Federcontribuenti Imprese: Crisi, migliaia di negozi a rischio chiusura. Crollano i consumi

Se la fiducia dei consumatori è ferma al 1996, non va meglio per le vendite al dettaglioche ad aprile hanno perso il 6,8% su base annua, un ribasso tendenziale che non si registrava dal gennaio del 2001. Un dato al ribasso che, come sottolinea l’Istat, tocca anche il settore alimentare (-6,1%). Rispetto a marzo il calo è dell’1,6%. Quello appena trascorso è stato un aprile nero soprattutto per i piccoli negozi e le botteghe di quartiere, che hanno visto le loro vendite scendere di ben l’8,6% su base annua. In calo, ma lievemente meglio la grande distribuzione, che segna il -4,3%. Persino i discount alimentari, che finora aveva tenuto alla crisi, perdono il 3% delle vendite. Il settore farmaceutico è quello più colpito, con un calo del 9,2%. Non se la passano bene nemmeno quello dell’abbigliamento e pellicceria (-8,9%) e il calzaturiero, articoli in cuoio e da viaggio (-8,6%). Meglio il settore che produce supporti magnetici, strumenti musicali (-3,6%).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...